MeL, il noir radioso

copertina-integrale-MeLEccolo il mio nuovo romanzo.  La storia è  questa:

Autunno 2049. Il dottor Red, durante una tempesta radioattiva, trasporta in un laboratorio isolato una paziente speciale: Vero Coretti. La donna è in coma, è stata trovata priva di sensi sul pavimento di casa. Se la squadra di medici non riuscirà a svegliarla, il suo corpo sarà utilizzato per la ricerca, ma il dottor Red ha un’ambizione più grande: vuole sperimentare su Vero l’algoritmo che gli permetterà di fondere la memoria di due generi differenti. Durante l’esperimento scopre che il cervello della donna rievoca eventi accaduti nel 2001 quando era una ragazza piena di vita e anticonformista. Inizia il viaggio nel passato di Vero: con piglio irriverente e ironico la memoria mette a nudo il perbenismo di una società e lo sfascio umano di una ricca famiglia, in compenso ritrova Moira e Colia, gli inseparabili amici che vivono una storia d’amore sullo sfondo dell’affascinante circo Billi di proprietà dei genitori di Moira. Il viaggio nei ricordi della paziente trascina il dottor Red in un’attrazione/ossessione fatale verso di lei fino a fargli aprire gli occhi su una verità del tutto inaspettata. Ma chi è Vero Coretti e cosa le è accaduto? Stella, la nipote dodicenne, l’ha trovata nuda e inerme nel guardaroba, sul pavimento un paio di pantofole di lana di alpaca che la nonna non ha mai indossato: un regalo di Edo, suo genero. Quando Stella si era inginocchiata e aveva sbirciato sotto al letto, si era rialzata con il palmo della mano che le bruciava. La ragazzina non può immaginare che in quella stanza c’è un uomo che prega di non essere scoperto e attende il momento giusto per fuggire. Il caso di Vero Coretti viene affidato a un’empatica intelligenza artificiale di nome MeL.

Il romanzo è già disponibile su Amazon: si può ordinare la copia di carta e riceverla nell’arco di qualche giorno, oppure in pochi secondi scaricarlo sul proprio e-book.

 

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *