Le radici del muschio

69751896_2373920999361871_2640684934557073408_n girl-4373782__340 autunnoHector è tormentato da una strana risata che ogni notte lo sveglia di soprassalto. Chi può prendersi gioco di un umile giardiniere ormai prossimo alla pensione? Hector ha ben più gravi motivi per preoccuparsi del futuro. Nel villaggio dove vive sta per arrivare l’erede del suo ex datore di lavoro, prendersi tutta la terra, vendere la proprietà e cacciarlo via da casa. Il domani è davvero incerto, e una risata che esplode di notte è l’ultimo dei suoi problemi. Eppure suona come un avvertimento, un presagio di cambiamento: in peggio o in meglio? Il desiderio di ritrovare e avere al suo fianco Margherita, indimenticato amore, finalmente sarà realizzato? Il terreno di cui si è sempre preso cura resterà a lui oppure qualcun altro sciuperà tutto, non rispetterà l’ordine naturale ed Hector dovrà fare i bagagli per andarsene chissà dove e abbandonare il paese dove ha vissuto tutta la vita?
Romanzo di formazione e di realismo magico, “Le radici del muschio” è una saga delicata che regala emozioni, ma che spinge a riflettere sull’essenza dell’uomo e dei capricci del destino.
La storia di un modesto giardiniere che si intreccia a quella di una fotografa di fama scorre lungo una narrazione fresca e originale, in cui gli ideali e la realtà trovano il giusto ritmo, ma possono imboccare direzioni del tutto inaspettate.
Hector e Daniela sono due eroi moderni, diversi per carattere e per cultura, un uomo e una donna che lottano e che trovano il punto d’incontro nella dedizione e nella battaglia per salvare un giardino.
“Le radici del muschio” è metafora della difesa della natura contro l’avidità di potere e di denaro, ma è anche lo sfondo di un grande amore e della dolcezza di un’amicizia autentica.

Il romanzo “Le radici del muschio” si trova in formato ebook e cartaceo cliccando su questo indirizzo:

https://www.amazon.it/radici-del-muschio-Milka-Gozzer/dp/1530709636/ref=tmm_pap_swatch_0?_encoding=UTF8&qid=&sr=

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn