Vero Coretti trascorre un’esistenza privilegiata e serena fino a quando Stella, la nipote, la trova incosciente sul pavimento della stanza da letto. Siamo nel 2049 e a occuparsi di lei è MeL un’intelligenza artificiale che comincia a indagare da un indizio, un’insolita macchia nera sul braccio della donna. Intanto però ci sono altri intoppi che fanno temere per la vita di Vero Coretti: una tempesta di sabbia che riduce la disponibilità di energia e le spregiudicate ambizioni di un giovane medico determinato a condurre esperimenti nel cervello della donna. 

Cardine del romanzo sono i ricordi di Vero Coretti rimasti fermi all’anno 2001. Il medico che li scopre, ne resta suo malgrado attratto al punto da non volersene più staccare.  Sarà un viaggio nella memoria che cambierà la sua vita e gli svelerà particolari inattesi sull’origine della sua famiglia che credeva perduta per sempre. 

Alternando le vicende investigative svolte nel 2049 al flusso dei ricordi della protagonista, il romanzo conduce il lettore nel vortice di personaggi capaci di lottare contro l’ipocrisia di una società meschina, ottusa e moralista. 

Un romanzo singolare, dal tratto ironico, che si inserisce in più di un genere: thriller, fantascienza, mistero, noir e narrativa, un racconto distopico scorrevole che tiene incollati fino all’ultima pagina.